Articles

Che cosa è un ” etichetta in ogni caso?

Posted on

C’è un motivo per cui decine di film e programmi TV mainstream da The OC a Black Swan to Friends hanno avuto trame che coinvolgono collegamenti omosessuali tra personaggi eterosessuali: la sessualità può essere torbida.

Nuova ricerca fuori oggi in Archivi di comportamento sessuale, dato come esclusiva per MarieClaire.com, mostra che le etichette ” gay ” e “dritto” non sono sempre definitive. Attraverso un sondaggio di più di 24,000 studenti universitari, i ricercatori hanno scoperto che molte persone impegnate in stesso-sesso collegamenti identificano come eterosessuali. Uno in 4 donne e 1 in 8.5 uomini in un college la cui più recente collegamento è stato con un partner dello stesso sesso si considerano dritto.

Pubblicità-Continua a leggere qui sotto

Tocca qui per votare

“Non tutti coloro che hanno stesso-sesso relazioni è segretamente gay,” dice co-autore Arielle Kuperberg, Ph. D., direttore di Studi universitari in sociologia presso l’Università del North Carolina a Greensboro, che ha scritto ampiamente sulle relazioni degli studenti. “C’era una grande disconnessione tra ciò che la gente diceva che il loro orientamento sessuale era e quali erano le loro azioni.”

Il college è il momento in cui è probabile che si verifichino evoluzioni ed esperimenti sessuali perché gli studenti hanno spesso raggiunto la loro maturità sessuale, ma non la loro maturità emotiva ed economica (come dimostra il fatto che molti studenti universitari sono in debito e prendono molte decisioni stupide). “Collegare è un modo alcuni giovani cercano di ottenere attraverso il lungo periodo tra la loro venuta sessuale della maggiore età e il loro raggiungimento della formazione, professionale, e il successo rapporto,” dice Stephanie Coontz, capo del Consiglio sulle famiglie contemporanee, che ha pubblicato la precedente ricerca di Kuperberg su collegamenti.

Uno in 4 le donne la cui più recente collegamento è stato con un partner dello stesso sesso identificano come dritto.

Kuperberg ha scoperto che la maggior parte delle persone che si identificano come dritto, ma hanno stesso-sesso collegamenti sono ” sperimentatori:”gli studenti al college che vogliono provare qualcosa di nuovo, senza considerare l’esperienza qualcosa che cambia la loro identità sessuale. Altri fanno parte di un gruppo di” bisessualità performativa ” (principalmente donne, in genere un collegamento di basso livello, come baciare, in un luogo pubblico), e un terzo set era composto da coloro la cui identità sessuale è nelle sue prime fasi di evoluzione. Queste sono persone che possono cambiare la loro identità sessuale con il tempo e più esperienza.

Pubblicità-Continua a leggere qui sotto

“Queer” è come Kate Stayman-London si identificherebbe ora, ma quando era al college a metà degli anni, non era sicura della sua identità sessuale. Aveva datato uomini e donne, e dal suo ultimo anno a Amherst in Massachusetts, ha avuto la sua prima ragazza. Eppure lei ancora non era sicuro di come descrivere se stessa quando esce ai suoi genitori. “Ho detto a mio padre e alla mia matrigna che ero ‘per lo più gay'”, dice Stayman-London, ora scrittore che vive a Los Angeles. “E ho detto a mia madre che ero bisessuale, e niente di tutto ciò sembrava la cosa giusta da dire.”

Ma Kuperberg dice che c’è un quarto gruppo di studenti universitari nel suo set di dati: quelli che si identificano come conservatori o hanno forti background religiosi, che possono affrontare ulteriori pressioni sociali per identificarsi come eterosessuali o lottare con l’omofobia interiorizzata.

Storie correlate

Sam Nitz sapeva di essere gay in 6 ° grado, e anche se solo datato e collegato con gli uomini durante il suo tempo presso l’Università del Wisconsin-Madison, ha aspettato fino al suo ultimo anno di uscire pubblicamente. “Ero coinvolto in Boy Scout a livello nazionale, e allora nei Boy Scout non si poteva essere gay”, spiega. Nitz, ora stratega politico a Washington, DC., era stato un Eagle Scout e un Capo sezione nell’Ordine della Freccia, ma sentì che perse l’elezione a Capo nazionale dell’Ordine della Freccia (la posizione più alta dei giovani nei Boy Scouts) a causa di una campagna di sussurro sulla sua sessualità.

Oggi, le persone che cercano di sperimentare relazioni omosessuali hanno più opzioni di lui, dice Nitz, e anche più accettazione. E, naturalmente, i Boy Scout da allora hanno invertito la loro posizione troppo.

Meno della metà dei Gen-Zer dicono di identificarsi come completamente eterosessuali.

Pubblicità – Continua a Leggere qui Sotto

le Persone hanno la libertà di sperimentare, e non si sentono confinati alle etichette, dice Alicia Walker, Ph. D., co-autore dello studio e un assistente professore di sociologia presso la Missouri State University. La sperimentazione è una parte importante dello sviluppo di molte persone, aggiunge. Walker ritiene che tale rifiuto delle etichette è destinato ad aumentare, tanto più che la generazione Z—meno della metà dei quali dicono di identificare come completamente eterosessuale—diventa maggiorenne.

Ma per il curioso studente universitario, è importante rendersi conto che le identità sessuali possono essere fluide, piuttosto che fisse. Per un certo numero di giovani adulti, le etichette sulla sessualità non sempre sono correlate alle loro azioni. E che se hanno domande sulla loro identità sessuale, non sono gli unici.

“Non sei solo”, dice Walker. “Molte persone stanno attraversando questo.”

Nota del redattore: una versione precedente di questo pezzo rifletteva dati interpretati in modo errato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.